Voto medio degli utenti

VN:F [1.9.22_1171]
1.3 su 5

IVAN MILANI

Executive Chef del Ristorante: Al Pont de Ferr

Sono sempre stato un assiduo frequentatore del Pont de Ferr, prima con Matias Perdomo.. poi con Fusari ed ora con il nuovo chef  Ivan Milani.

Ivan Milani  torinese classe 1971 chef autodidatta; nel 1997 apre uno tra i primi wine bar di Torino nello storico caffè Elena, fa esperienze in Spagna ed al Quintino Resort, dove prese il posto dello chef Taglienti, per approdare infine al Piano 35 a Torino il ristorante più alto d’Italia dove la sua avventura è durata appena un anno.

Faccio una premessa, non è sicuramente facile per il nuovo chef sostituire Perdomo prima e  Fusari  dopo  (è stato difficile anche per  il bravo Fusari stesso) quindi  fare i paragoni è sempre estremamente difficile e complicato;  tuttavia in questo caso mi viene facile.

Vince Perdomo  alla grande e subito dopo Fusari..(per ora Milani si piazza all’ultimo gradino..per ora)

Perchèe?

Perché ho trovato la cucina del Pont poco brillante non più come allora quando era illuminata dalla stella Michelin che aveva faticosamente conquistato.

La cucina dello Chef Milani non mi ha impressionato non mi ha lasciato sensazioni particolari seppur qualche suo piatto aveva ottimi spunti come ad esempio “Doppio Gioco” , non mi è invece assolutamente piaciuto, seppur l’idea interessante,  il “piccione e le capesante” (cucinato male carne troppo cotta quasi difficile da masticare).Vogliamo parlare della cipolla caramellata; sono un sentimentalista a parità di ingredienti preferisco quella di Perdomo.

Ora io non so se in cucina c’era oppure no il nuovo chef, mi auguro, ed auguro al Pont de Ferr e tutti i suoi affezionati ,(me compreso) che non sia questa la cucina di Ivan Milani poiché di lui ne ho solo sentito parlar bene. Eh si caro chef noi affezionati siamo abituati bene quindi ti tocca fare meglio..

In compenso Madia è sempre molto gioiosa, sorridente e dal carattere sempre allegro, questo ha compensato il mio leggero malumore sulla cucina

Il menù è ricco, vario e presenta due proposte degustazione da 55,00, da 75,00 e da 130,00 euro.

Per gustare la cucina dello chef la spesa media è di euro 75,00  (guarda il menù)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *